Chi sono?
La mia storia comincia in Sicilia, in una piccola cittadina dove ho trascorso un’infanzia serena e spensierata, giocando a calcio nei vicoli e nelle piazze del paese, collezionando figurine di calciatori e tonnellate su tonnellate di Lego. Ho frequentato il Liceo Artistico, senza avere una precisa idea di cosa avrei voluto fare da grande: trascorrevo i miei pomeriggi leggendo Diabolik, guardavo vecchi film in bianco e nero, suonavo la chitarra con gli amici.

E’ stato dopo il diploma che ho scoperto la fotografia. Ho cominciato a scattare foto ovunque: agli amici, alle ragazze, alle feste nei locali, finchè questa non è diventata la mia fonte di guadagno. Lavorando come fotografo freelance, ho intrapreso gli studi in Graphic Design all’Accademia di Belle Arti (di Catania).

Oggi faccio il grafico a tempo pieno, ma non lo considero un lavoro: per me è uno stile di vita, un modo di essere e di interpretare tutto ciò che è immagine, composizione, design. Un mood in cui tutto deve rendere conto all’estetica e alla funzionalità.

Mi piace fotografare, mi piace osservare, progettare, sperimentare, osare, superare il mio limite volta per volta. Mi piacciono i film con Johnny Depp e la regia di Tim Burton, ma guarderei all’infinito: Eyes Wide Shut, Armageddon, Rocky, Il Postino, Nuovo cinema Paradiso e tutti i film di Fellini… sì, tutti, perché è impossibile sceglierne uno. Preferisco l’ultimo Batman, ma Kim Basinger è Kim Basinger! Credo che Charlize Theron, Nicole Kidman e Milla Jovovich probabilmente non siano di questo pianeta, e credo sia Pierce Brosnan il più adatto nel ruolo di James Bond (dopo Sean Connery, ovviamente!). Credo nei soli di chitarra di Gilmour, nel sound dei Radiohead, nei gol su punizione di Beckham, nei dritti di Nadal e nelle derapate di Rossi in Motogp.

Mi piace quando arriva la sera e metto su qualcosa di Miles Davis, mi piace l’odore dei libri nuovi, il rumore della pioggia, il sapore del pane appena sfornato, la birra gelata ai concerti, il vino rosso. Amo la concretezza, la sincerità, la saggezza, l’eleganza, odio i circoli fotografici, i concorsi a tema, la gente falsa, gli arroganti e i saccenti. Credo nell’arte e nella forza che essa sprigiona e credo che un grande viaggio parta sempre da un piccolo passo.
Bevo tanto caffè.


Who am I?
My story begins in Sicily,
in a small town where I spent an untroubled and happy childhood, playing soccer and collecting a huge amount of Panini stickers and Lego bricks. I attended the High School of Arts, but at that time I had no precise idea of what I wanted to be when I grew up. I used to spend afternoons reading Diabolik comics, watching old movies and playing guitar with friends.

But only until I discovered photography… It was only after the diploma that I started taking pictures of everything – girls, friends, people at parties – until this eventually became my job. While working as a freelance photographer, I graduated at Accademia di Belle Arti with a degree in Graphic Design.

Now I am a full-time graphic designer, but rather than a job, I consider it a lifestyle and it reflects my way of thinking as everything like a design. In my vision, I always try to connect ordinary life with aesthetic and functionality.

I love taking pictures and creative designing. I like to dare, to proof, to overcome my limits step by step. I like Tim Burton’s movies with Johnny Depp, and I could watch forever Eyes Wide Shut, Armageddon, Rocky, Il Postino, Nuovo Cinema Paradiso, and all of Fellini’s movies… yes, all, simply because I cannot choose! I prefer the latest Batman, but – you know – Kim Basinger is Kim Basinger! I think Charlize Theron, Nicole Kidman and Milla Jovovich are not human being, and I believe Pierce Brosnan is the most suitable in the role of James Bond (obviously after Sean Connery!). I believe in Gilmour guitar solos, in the sound of Radiohead, in Beckham’s free kicks, in Nadal’s forehands, and in Valentino Rossi’s sideslips.

I like when the night comes and I listen to Miles Davis tunes, I like the smell of books, the sound of rain, the taste of freshly baked bread, ice-cold beer at the concerts and red wine. I love concreteness, wisdom, and honesty but above all I love elegance. I hate photography clubs, themed contests, arrogant and know-it-all people. I believe in Art and in its strength and I believe that even the biggest journey starts whit a little step.
And I drink so much coffee…